Sto cercando...

Giacomo F. Cipper, detto il Todeschini (Feldkirch 1664 - Milano 1736)

il gioco dello schiaffo (venduto)

olio su tela, cm. 74 x 134

Provenienza

Collezione privata

Mostre

Milano 1964, Circolo della Stampa, Dipinti di due secoli, tavolo 79. Catalogo a cura di Leonardo Borghese

Bibliografia

Catalogo Dipinti di due secoli, '600 e '700, Milano 1964, Circolo della Stampa, tavolo 79. Catalogo a cura di Leonardo Borghese
Luisa Tognoli, Giacomo Francesco Cipper, il Todeschini e la pittura di genere, "Monumenta Bergomensia", Bergamo 1976. Riprodotto a pag. 36.

Stato di conservazione

Buono, ma da pulire

Commento

Questo gioco consiste nel mettere sotto un malcapitato che, girato di spalle, prende schiaffi fino a quando non riesce ad indovinare da chi provengono. Solo a quel punto può abbandonare la scomoda posizione.

Todeschini operò prevalentamente a Milano, Brescia e Bergamo, diventando Lombardo d’adozione. La sua maniera ebbe una grande influenza, non soltanto in Lombardia, ma nell’Italia intera, nella diffusione di uno stile laico della pittura. Forse oggi si tende ancora a sottovalutare quanto fu rivoluzionaria la lingua vernacolare da lui introdotta nel panorama dell’arte lombarda, dominata ancora dalla pittura controriformata d’ispirazione borromeiana.

Dettagli
cipper todeschini
L'opera è visibile nelle categorie:
torna in cima