Sto cercando...

Carlo Lodi e Antonio Rossi (Bologna 1701 - 1765), (Bologna 1700 - 1753)

L'abbeverata della truppa (uno di una coppia)

tempera su tela, cm. 253 x 203

Provenienza

- Palazzo Boncompagni alla Cicogna, San Lazzaro di Savena, proprietà di Leonora Colonna moglie del conte Sicinio Pepoli, committenti delle tempere nel 1740/1743

- Discendenti della famiglia Pepoli

- Famiglia Ferretti, acquirente di palazzo Boncompagni dal conte Antonio Gaddi Pepoli nel 1920 circa

- Gaetano Barbieri che subentrò ai Ferretti nella proprietà di palazzo Boncompagni

- Ultimi discendenti della famiglia Barbieri che cedettero palazzo Boncompagni negli anni '80 e spostarono le tempere a villa Nora a Bologna prima di alienarle

- Collezione privata milanese dal 1987

Mostre

L’Arte del Settecento Emiliano, Bologna 1979, n. 417

Bibliografia

- Oretti, 1770, p. 11
- Malaguzzi Valeri, 1928 (b), pp. 109 -122
- G. Zucchini, Paesaggi e rovine nella pittura bolognese del ‘700, Bologna 1947, pp. 17, 18, 21, 26-30
- G. Zucchini, Le tempere della Sampiera, Bologna 1953, pp. 24, 25
- U. Beseghi, Castelli e ville bolognesi, Bologna 1957
- G.P. Cuppini e A.M. Matteucci, Ville del Bolognese, Bologna 1967, pp. 122, 335, 336
- Renato Roli, Pittura Bolognese 1650-1800, dal Cignani al Gandolfi, Bologna 1977, pp. 190, 199, 273, 291, fig. 367a
- E. Zardi, Carlo Lodi, paesista bolognese del Settecento, Università di Bologna, 1977
- R. Grandi, L’Arte del Settecento Emiliano, catalogo della mostra "Architettura, Scenografia e Pittura di Paesaggio", Bologna 1980, p. 334, fig. 346
- Anna Ottani Cavina e Emilia Calbi, La pittura di paesaggio in Italia. Il Settecento, Milano 2005, p. 245 (è citata la serie a cui appartengono le due tempere)

Documenti
Inventario del 1751 delle opere presenti in palazzo Boncompagni (Archivio Pepoli, n. 144; Bologna, Archivio di Stato)

Stato di conservazione

Buono stato di conservazione con alcune abrasioni sulla superficie pittorica.
In prima tela, telaio e cornice dorata e laccata originale.

Commento

Gli episodi raffigurati sulle due grandi tele si riferiscono alle truppe austriache dell’imperatore Giuseppe I che si accamparono nell’aprile del 1708 a San Giovanni in Persiceto, a Cento e presso la Chiesa degli Alemanni a Bologna.
La qualità dei dipinti e del felice connubio Lodi/Rossi sono stati ampiamente trattati nella seconda metà del Novecento da diversi studiosi emiliani, soprattutto Zucchini e Matteucci, che hanno ricostruito dettagliatamente la storia delle tempere di palazzo Boncompagni a La Cicogna.
Dal conte Sicinio Pepoli furono commissionate quaranta tempere, ma solo 23, incluse le due in vendita, sono pervenute fino a noi

L'opera è visibile nelle categorie:
torna in cima